Basket A2: così vicini, così lontani


Anche in questa sessione di mercato Alex Ranuzzi, duttile guardia/ala dell’Andrea Costa Imola, sembrava vicino ad un ritorno alla Virtus, nella quale è cresciuto. Andiamo a vedere la stagione dell’ex Siena, elemento fondamentale nello scacchiere di coach Ticchi 

di Calogero Destro

Classe 1986, ottimo difensore sul perimetro, affidabile dalla media distanza e, soprattutto, cresciuto nelle giovanili della Virtus Bologna, dove però sembra non sia più destinato a ritornare. Stiamo parlando di Alex Ranuzzi, guardia/ala dell’Andrea Costa Imola, con la quale sta disputando un’ottima stagione.

Alex Ranuzzi ospite de Il Pallone Gonfiato

Ranuzzi, che in estate sembrava ad un passo dal vestire nuovamente la casacca delle “V nere”, assieme al neo coach bolognese, Ramagli, col quale ha condiviso l’avventura di Siena: è, invece, infine approdato in quel di Imola, a pochi passi da casa. Per questo ha voluto lasciare la Toscana, per tentare un ritorno alle origini che, però, non si è ancora compiuto. Il suo ex allenatore nella Robur l’avrebbe certamente accolto a braccia aperte anche in questo freddo Gennaio, intiepiditosi con l’arrivo di Bruttini dalla Leonessa Brescia, certo, ma non in grado di scaldare il cuore di una madre pronta a riabbracciare il proprio figlio. A quanto pare Ranuzzi rimarrà a pochi km di distanza, perché pedina fondamentale nello scacchiere di coach Ticchi e perché forse, per lui, non era ancora tempo di chiudere il cerchio, e chissà se mai lo sarà.

Le statistiche– Intanto il duttile cestista bolognese sta viaggiando in stagione a cifre importanti: 11.3 punti, 6 rimbalzi, 2.2 assiste e 12.44 di valutazione in 29.3 minuti di media a partita. È il quarto miglior marcatore della squadra, poco distante dalle cifre di veterani come Prato e Hubalek. Un elemento fondamentale nelle rotazioni dell’Andrea Costa, secondo per minuti giocati solo a Norman Hassan ma primo se si guardano le medie. Il trasferimento da Siena non ha causato contraccolpi a livello statistico, anzi: Ranuzzi ha migliorato il proprio tabellino, che nella passata stagione riportava 9.5 punti, 4.2 rimbalzi e 1.5 in 28.5 minuti a gara.

Davide Bruttini, classe ’87, nuovo acquisto della Virtus Bologna

Ma in fondo sono le cifre di un’intera carriera, nella quale il giocatore ex Ozzano ha fatto sempre registrare una certa continuità. Il suo atletismo e la possibilità di ricoprire diversi ruoli con ottimi risultati, stanno facendo le fortune di coach Ticchi, propugnatore di un basket estremamente poliedrico. Probabilmente avrebbero fatto comodo anche alla Virtus, nella quale Ranuzzi si sarebbe potuto ricavare uno spazio decisivo risparmiando qualche minuto a Rosselli, oppure fra Pajola e Petrovic.

Ma a quanto pare non era destino, anche se c’è da dire che un lieto fine, comunque, non sembra mancare: con la Virtus che accoglie Bruttini e Ranuzzi tra i leader di Imola, a pochi passi da casa ma senza aver colmato interamente quella distanza che lo separa da lì, dove tutto è cominciato.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *