Derby Virtus-Fortitudo: si affilano le armi


Un esame attento delle parole di coach Boniciolli, in buona parte dedicate al PG Basket

di Alberto Bortolotti

Qualcuno potrebbe pensare che siamo d’accordo. Un po’ come capito’ con il Tosco all’inizio; parlava tutti i giorni, in modi non esattamente encomiastici, del sottoscritto e il sospetto attraversò la torcida rossoblu: questi si promozionano a vicenda. Chi mi conosce sa, al contrario, che ero un briciolo infastidito, ma non tanto con il neo-collega, bensì con l’editore che mi pareva avesse armato una pistola fumante contro di me: la seconda, dopo Righi. E non ne comprendevo il motivo.

 Boniciolli a caccia di un nuovo innesto per la sua Fortitudo (ph. Giorgio Neri)

Coach Boniciolli fa spesso riferimenti a Il Pallone Gonfiato Basket

Ora con Boniciolli si ripete un copione simile. Come mi ha scritto Marco Vigarani, compiaciuto, il coach a pois e’ il più accanito lettore del PG Basket. E, detto senza nessuna ironia, avere audience qualificata fa sempre piacere. La punzecchiatura nella conferenza stampa mi ha però rivelato un Matteo un filo distratto, e vorrei vedere, con il derby alle porte. Mi aspettavo un attacco su Knox, dopo la prestazione – ottima – di ieri sera. Invece il tecnico giuliano si è concentrato sulla mia definizione di annus horribilis, dicendo, con esattezza (traggo da Bologna Basket): “Qualcuno ha scritto che il 2016 è stato un annus horribilis per noi, qualcuno che considero perfino equilibrato: non capisco, non è morto nessuno, vorrei capire da che prospettiva si può dare un giudizio del genere. Ma se è stato questo per noi, allora cosa deve essere stato per la Virtus, che sono retrocessi sedicesimi su sedicesimi? Si dovrebbe evitare di lasciare internet nelle mani di chi non fa un cazzo e non lavora: un diciannovenne legge queste cose e può chiedersi cosa debba fare di più”.

Intanto voglio rassicurarlo: non sono, purtroppo, un fancazzista del web. Avendo responsabilità di una azienda, seppure minuscola, come il pallone gonfiato srls, vorrei gironzolare ma non me lo posso permettere. In secundis, nel ringraziarlo per la stima (non è ironia! L’equilibrio è importante) dico che essere travisati non è bello e indica il fatto che non ci si è spiegati bene. A me pareva chiaro: se perfino il grafico di Sky sbaglia il logo della F, significa che una certa aura di sfiga esiste. Io quello volevo dire, e ho scritto, se giochi la finale senza americano non è certo un vantaggio (quando invece l’americano lo tagli non puoi lamentarti di non averlo…). E se proprio vogliamo, come terza notazione, io mi faccio i “cazzi miei”, come dice il coach in un altro passaggio, nel momento in cui, da notista, noto, appunto, fatti. Se poi lui pensa (ma non credo, sinceramente) che dica cose in funzione della mia virtussinità straconosciuta, gli rispondo che ho certamente piacere, tanto, se venerdì vinciamo ma credo di essere stato anche un po’ critico con la “mia” società e squadra, per esempio riguardo una certa faciloneria difensiva nei primi due quarti.
Infine, a proposito di giocatori e differenze di “vissuto”, come lui ama dire, ho trovato un appunto interessante che in parte ripropongo (scritto su Facebook da un fancazzista). Posto che Montano non è  stato preso perché in possesso di appartamento  a Bologna, e Italiano non era stato tagliato da Piacenza, la Virtus ha giocatori fatti…mentre la Fortitudo punta sui giovani…
Allora, nella V: Spizzichini è un 92 ( prodotto del vivaio), Rosselli 83, Ndoja 85 ( 2 sole partite giocate ), Michelori 78. Più i due stranieri e cinque under (concorre per vincere la classifica apposita) Nella F: Ruzzier 93 ( 5 anni tra Lega2 da protagonista  e due semifinali scudetto…la prima 15 min di media), Mancinelli 83 (campione d’italia), Italiano 91 (terzo campionato di Lega2), Raucci 90 ( già in organico), Montano 92 (quarto anno di Lega2), Gandini 85 (da 8/9 anni in Lega2). Poi ci sono I due stranieri e due under, quindi Kontatto sarà la squadra che, con la firma di Marchetti, avrà speso più parametri e in possesso di più senior dell’intera Lega2. Se i fatti sono sbagliati, prego Boniciolli di correggermi. Se sono corretti, lo possiamo chiamare, scherzosamente, Zigaciolli (dove zigare è il sinonimo bolognese di piangere).

E alla fine, in ogni caso, i responsi li dà il campo.

Print Friendly, PDF & Email



One thought on “Derby Virtus-Fortitudo: si affilano le armi

  1. pasternak

    I responsi li dà il campo, che in effetti al momento dice che stiamo andando meglio dell’anno scorso (quando siamo arrivati in finale). La verità è che qualcuno (e non importa fare nomi) ama sparare sulla squadra e sul coach in modo particolare solo per il gusto di farlo e perché deve vendicarsi di qualcosa. Un po’ più di obiettività non guasterebbe, anche solo per mantenere un senso del pudore.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *