Finestra di mercato e possibili inserimenti: ecco il regolamento


Siamo ancora lontani dalla prossima finestra di mercato ma ecco un approfondimento sul regolamento italiano per la Serie A2

di Luca Corbelli

Cristiam Pavani, dg della Fortitudo Bologna (ph. Fortitudo)

Cristiam Pavani, dg della Fortitudo Bologna (ph. Fortitudo)

In questi giorni in cui si susseguono voci di mercato di possibili tagli da parte della Fortitudo soprattutto dopo le parole delle scorse settimane del proprio allenatore, alcuni amici mi hanno chiesto come era possibile muoversi sul mercato e quando poterlo fare, allora pubblico una domanda che mi è stata fatta per spiegare come è possibile intervenire. “Scusami, ma il mercato di Serie A2 per gli italiani che sono senza contratto è sempre aperto ? Faccio un esempio Carraretto può andare dove vuole in qualsiasi momento? E come ci si può muovere per cambiare lo straniero?

Allora ricordo a tutti cosa dice il regolamento:

Il mercato estivo sarà aperto dal 1 luglio al 30 settembre (venerdì antecedente la prima giornata di campionato). Dal 1 ottobre al 22 gennaio ogni società potrà tesserare soltanto un atleta senior (senza distinzione di nazionalità e di status) come già nel 2015-16. Dal 23 gennaio al 28 febbraio saranno aperti i trasferimenti suppletivi con un massimo di 3 movimenti in entrata (considerando solo atleti già andati a referto in Italia) e in uscita (considerando solo gli italiani di formazione) per i senior: tesseramenti illimitati per gli svincolati e gli stranieri provenienti dall’estero. La novità maggiore è quella relativa alla terza fase, dal 1° marzo fino a 48 ore dal via dei playoff: sarà possibile tesserare solo un rinforzo tra gli atleti, italiani compresi, non tesserati nei campionati dilettantistici (quindi dalla serie A, dall’estero e tra giocatori inattivi nel corso della stagione).

Julio Trovato, gm della Virtus Bologna (ph. Virtus Bologna)

Julio Trovato, gm della Virtus Bologna (ph. Virtus Bologna)

Spieghiamo le finestre di mercato e cosa è possibile fare: da oggi e fino al 22 Gennaio 2017 è possibile tesserare in qualsiasi momento un giocatore che sia italiano o straniero non fa differenza, ovviamente se tesseri un Italiano libero (esempio Marco Carraretto) che quindi non sia mai andato a referto con nessuno, poi i cambi possibili nella finestra successiva restano 3, altrimenti si va a scalare e ne restano solo 2.

Dal 23 gennaio al 28 febbraio 2017 possono esserci fino a tre movimenti in entrata e tre movimenti in uscita. Che vuol dire, in entrata praticamente solo giocatori italiani in quanto per quel che riguarda gli Stranieri entra in scena il VISTO. Ogni squadra ne ha 2 a disposizione, quindi tutte le formazioni li hanno già esauriti, come possono ovviare a questo “problema”? Andando a pescare nel mercato Italiano, ovvero riciclando un taglio di un altra squadra che deve aver giocato o essere andato a referto almeno 5 volte, oppure prendendo un Europeo che non necessita del visto.

Dal 1 marzo 2017 fino a 48 ore dall’inizio dei play-off si può ulteriormente tesserare un altro giocatore sempre con il medesimo criterio, per gli italiani non può aver giocato nel medesimo campionato, per gli stranieri deve aver giocato solo nel campionato italiano. Facciamo un esempio che si è verificato lo scorso anno; Ferrara non è entrata nei play-off e si è alleggerita di un contratto di un suo straniero, girandolo a Mantova. Ricordiamo che se si “taglia” un Usa per un europeo, non si necessita del visto ma poi si gioca con questi, non si può giocare aggiungendo un altro Americano. Quindi la coppia di stranieri sara Europeo+Usa a meno che uno di questi non abbia un doppio passaporto italiano.

Print Friendly



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *