Le battaglie mediatiche di Virtus e Fortitudo


Baraldi e Pavani in tv e radio disegnano gli assetti dei cesti futuri

di Alberto Bortolotti

Rappresentanti della proprietà. Luca Baraldi e Christian Pavani si sono “fronteggiati” mediaticamente in settimana: il primo, uomo di fiducia di Massimo Zanetti, in tv da Jack Bonora, e il secondo, fedele attendente del presidente Muratori, su Radio Nettuno da Motola e Merlini.

Luca Baraldi ha parlato in Tv degli obbiettivi della Virtus, ospite di Jack Bonora

Due chiacchierate lunghe e sugose. Baraldi ha premesso di essere un neofita del basket ma ha dato solide speranze ai tifosi bianconeri. “Penso che salire quest’anno sarà un’impresa molto difficile. La storia del dottor Zanetti parla chiaro. Il suo posizionamento nello sport è sempre stato vincente. A lui piace vincere, e secondo me ha voglia di dare a Bologna questo tipo di soddisfazione. Credo che non lesinerà niente, in accordo con gli altri soci. Noi l’obiettivo che ci poniamo, da qui a enne anni, è di ritornare in Europa, e dalla porta principale. Parleremo anche col presidente federale – che è un amico – e deve capire che se vuole grandi aziende che investono nel basket bisogna riorganizzare i campionati. La nostra sarà una presenza attiva. Noi chiederemo che le regole cambino dal prossimo anno, questa formula non è giusta. Almeno due promozioni? Io sarei per tre. Investimenti? Per ora la Virtus ci è costata 1 milione e mezzo, faremo delle pianificazioni una volta capito il campionato in cui giocheremo l’anno prossimo”. Relazioni con Petrucci e con l’uomo forte di Eurolega, Bertomeu, volontà di proseguire l’investimento fino a poter salire al 51% se sarà necessario un aumento di capitale e soci non si opporranno a questa ipotizzabile “scalata”: sono tutte buone notizie per gli appassionati.

In radio è stato diretto e sincero il direttore generale di Fortitudo 103 Christian Pavani. Anche nel raccontare i suoi rapporti con il tecnico. “Amoroso? Non è un mistero che lui volesse molti soldi. Ma è rimasto molto legato a Matteo. Le voci che abbiano litigato sono chiacchiere da bar. Nelle famiglie capita di discutere, anch’io ho discusso molte volte con lui e per un mese non ho parlato a Boniciolli perché avevamo litigato. Ma ripeto, in una famiglia sono cose che succedono”.

Due sfaccettature del rapporto con Virtus. Ottimo livello di collaborazione con il presidente di Fondazione Pietro Basciano, contro la cui squadra originaria, Trapani, la Kontatto giocherà, come da noi anticipato, durante la effettuazione della Final Four di Coppa Italia, in Sicilia. Un po’ di ritrosia nell’ospitare la Virtus al PalaDozza nei playoff, ma inserirei questa schermaglia nell’ambito delle p.r. verso i tifosi.

“Profanano il nostro tempio ma noi non ci possiamo fare niente, è il Comune che dà l’autorizzazione”: Tecniche vecchie e sempre efficaci.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *