Lo sgarbo di Sky a tifosi e tv locali di Bologna


Ieri Sky ha annunciato l’accordo per le trasferte di Virtus e Fortitudo danneggiando la passione dei tifosi e gli accordi con le tv locali

– di Alberto Bortolotti – 

Sky

Sky ha preso l’esclusiva per le trasferte di Virtus e Fortitudo

Allora non vengono danneggiati solo gli abbonati, che comprano a scatola chiusa i season tickets di calcio o basket e poi si trovano orari spostati e sovrapposti rispetto a proprie attività lavorative. Ma viene un po’ sporcato anche lo spirito imprenditoriale. C’è una tv territoriale, TRC, che ha impostato il proprio claim promozionale sull’essere “l’emittente del basket”. Peccato che la scelta di Sky di trasmettere tutte le gare esterne di Fortitudo e Virtus leda questa scelta, oltre a frenare anche un possibile esodo di tifosi verso, chessò, Roseto o Recanati che magari avrebbero goduto volentieri del fatto che in A2 giochino squadre che per blasone e forza economica dovrebbero stare in categoria superiore.
Intendiamoci, non è un attacco a Lega Nazionale Professionsti e tantomeno al suo presidente Basciano, che si sforza di promozionare la categoria. E’ però la contestazione che le cose in corsa funzionano fino a un certo punto, giacchè comunque pestano i piedi a qualcuno.
Comunque, due buone notizie per Bologna. La Nazionale Under 20 contrariamente a quanto scritto, tocca al coach di Trento Buscaglia, che si è formato sotto le Due Torri. E “Jordan” Consolini va a fare il terzo dei senior, dietro il suo mentore Messina e Sacripanti.
Quanto al campo, la prevedibilmente rovinosa sconfitta della Virtus a Scandiano con Reggio dimostra che c’è differenza tra A1 e Legadue ma anche che Lawson potrebbe reggere anche in categoria superiore. Gli altri, per il momento, ripassino ma è importante che siano buoni per il loro livello.
In casa Fortitudo è forse, finalmente, una settimana tranquilla, al di là del mal di schiena di Mancinelli. Interessante l’ipotesi di schierare Candi preferibilmente guardia a fianco di Ruzzier: almeno Leo ha la fisicità per reggere le guardie americane avversarie.
Sono curioso, come tutti, di vedere Nikolic. Di base non mi pare un fenomeno ma sono anche lieto di essere smentito. La cosa importante è che sia un buon giocatore “normale”: di fuochi d’artificio ne abbiamo già ammirati (…) abbastanza.

Print Friendly



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *